Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

sabato 12 marzo 2011

Terremoto in Giappone.

Il sisma che ha colpito ieri il paese del Sol Levante è uno dei più devastanti mai avvenuti, sia in Giappone che in tutto il mondo. La cosa più incredibile è rappresentata dallo sciame sismico che ha scatenato: dopo la prima scossa di magnitudine 8,9 è iniziata una serie di decine di scosse molto forti che hanno anche raggiunto magnitudine 7.

Oltre ai disastri provocati direttamente, si sono aggiunti i terribili effetti di uno tsunami provocato dal fatto che l'epicentro si trovava a circa 130 km dalla costa (e 27 km di profondità), innescando così un'onda anomala che ha colpito tutte le zone poste ad est dell'isola di Honshu e a catena tutto l'Oceano Pacifico.

La sala del Tsukuba ISS Mission Control Center [SFN].
Anche in ambito astronautico vi sono delle ripercussioni. L'amico Jonathan McDowell riporta che lo Tsukuba Space Center è stato evacuato mentre ISAS (Institute of Space and Astronautical Science) a Sagamihara è ok e in piena attività. Mancano invece informazioni sul Propulsion Research Center nel Kakuda Space Center di Miyagi, proprio nella zona più colpita.
Vi ricordo che a Tsukuba c'è il Mission Operation Center della ISS e quindi attualmente tutto il controllo della parte giapponese è stato spostato a Houston in attesa di ripristinare il centro controllo. Le immagini ci fanno vedere le sale con danni ingenti e attualmente non si conosce una previsione per la rimessa in servizio. Anche la riapertura del portello di HTV è stata posticipata a lunedì.
Per Tanegashima non ci sono problemi dato che si trova nell'estremità sud del paese, al riparo anche dagli tsunami.

Fortunatamente il Giappone ha una grande esperienza e serietà nella costruzione di edifici e strutture antisismiche, altrimenti i danni sarebbero stati devastanti: il video qui sotto con i grattacieli che ondeggiano dopo il terremoto, non ha bisogno di commenti!


2 commenti:

Prova ha detto...

Siete davvero convinti che in Italia non possa succedere?
http://orahovistotutto.blogspot.com

Monzitrek ha detto...

A parte che gli tsunami in Italia si sono già verificati (per esempio per il terremoto di Messina del 1908) e che non si è spostato l'asse terrestre, ma il centro di massa (ne ho parlato per il terremoto del Cile dell'anno scorso) questo terremoto non è il più devastante degli ultimi 150 anni, basta andare al 26 dicembre 2004 con il sisma di Sumatra a magnitudine 9,1 e con centinaia di migliaia di morti.

Sono però d'accordo sul fatto che è vergognoso che ci siano persone pronte a strumentalizzare questa disgrazia con assurde e idiote teorie complottiste.