Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

lunedì 20 giugno 2016

Solstizio estivo

Oggi, 20 giugno, alle 2234 UTC (le 00:34 italiane del 21), per l'emisfero Boreale avremo il Solstizio Estivo del 2016.
Il Sole raggiunge la massima declinazione nel suo movimento apparente rispetto al piano dell'eclittica.

[Wikipedia]
In pratica a mezzogiorno il Sole raggiunge nel nostro emisfero il punto più alto e si ha il giorno più lungo dell'anno (e di conseguenza la notte più corta), inoltre il Sole passa allo Zenith sul tropico del Cancro.
All'interno di tutto il circolo polare artico il Sole non tramonta e all'interno di tutto il circolo polare antartico non sorge.

Per l'emisfero Australe inizia invece l'inverno.

Dal giorno successivo per noi cominciano ad accorciarsi le giornate.

Buona Estate a tutti!!!

giovedì 19 maggio 2016

Perso il contatto con Hitomi

Il 26 marzo il satellite giapponese Hitomi (ASTRO-H) per l’osservazione nella banda dei Raggi X ha subito una importante anomalia. Durante una campagna osservativa del quasar Markarian 205 ha improvvisamente perso il controllo di assetto e ha iniziato a ruotare su sé stesso.
Circa sei ore dopo si disgregava parzialmente, tanto che il tracking statunitense riconosceva almeno 11 detriti, 5 dei quali di dimensioni “importanti”. Durante i successivi 3 passaggi il centro di controllo ha ancora ricevuto dei brevi frammenti di trasmissione, ma dal 29 marzo non ha più ricevuto dati. Osservazioni dirette da Terra effettuate per mezzo di telescopi ottici fra cui anche il grande Subaru Telescope hawaiiano dell’Osservatorio Nazionale Giapponese, hanno evidenziato un gruppo di oggetti in rapida rotazione, probabilmente residui degli strumenti e dei pannelli solari.
Rappresentazione artistica di Hitomi [JAXA]
Una prima analisi dell’accaduto può far ricadere le responsabilità dell’incidente ad una incompleta previsione dei comportamenti inerziali del satellite, dato che l’errore nei sistemi di correzione d’assetto si è verificato dopo l’estrazione dell’Extensible Optical Bench, un braccio che può aver modificato in modo non previsto il centro di massa di Hitomi. Un primo errore nella correzione ha portato un peggioramento della situazione che ha comportato un passaggio in safe mode e al conseguente spegnimento del computer di bordo e una accensione dei motori per orientare i pannelli solari verso il Sole, procedura standard per un satellite in caso di anomalia. Evidentemente il centro di massa in posizione imprevista può aver causato un aumento incontrollato della velocità di rotazione causando la rottura dei componenti esterni a causa delle sollecitazioni impreviste.
Sono solo ipotesi, ma se fosse successo veramente questo, molto probabilmente le responsabilità dei progettisti sarebbero alte.
La sonda Hitomi, del peso di 2700 kg, è stata lanciata il 17 febbraio scorso a bordo di un vettore H-IIA 202 dal Tanegashima Space Center e si trova su un’orbita quasi circolare ad una quota compresa fra 560 e 580 km e inclinata di 31,1°.
L’agenzia spaziale giapponese JAXA spera che la rotazione possa rallentare al punto da ristabilire le comunicazioni e nel caso riuscissero a riprendere il controllo d’assetto potrebbe riprendere anche l’attività scientifica, anche solo con la fotocamera SXI CCD.
Purtroppo le ultime notizie provenienti da JAXA confermano che il danno ai pannelli solari costituisce un problema di approvvigionamento energetico insormontabile, che ha comportato lo spegnimento totale della sonda.
Peccato: se ricordate Hayabusa, per i giapponesi non sarebbe stato il primo recupero impossibile…

Tratto dall'ultimo numero pubblicato di Coelum Astronomia, rivista di informazione astronomica. La rivista viene distribuita gratuitamente via web. Potete liberamente scaricarvela e leggerla dove preferite.

sabato 9 aprile 2016

Brutte notizie per Insight

In seguito ad un problema ad uno degli strumenti di bordo del lander (un sismografo di produzione francese) la direzione della missione Insight e la NASA stessa si sono trovate ad un bivio: inviare lo stesso il lander senza il sismografo difettoso utilizzando l’attuale finestra di viaggio verso Marte o attendere la prossima finestra del maggio 2018 spendendo però altri 150 milioni di dollari per gestire il ritardo?
Insight lander [NASA-JPL/Caltech]
La risposta scelta è stata la seconda, dato che il sismografo incriminato era uno strumento molto importante per la missione che quindi andava posticipata.
Insight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport) verrà quindi lanciata il 5 maggio 2018 e scenderà sul pianeta rosso il 26 novembre dello stesso anno.
L’ambiziosa missione intende raccogliere approfondite informazioni circa la geologia di Marte e i suoi movimenti sismici, ma l’elemento più strabiliante è composto da una trivella che sarà in grado di scendere fino a 5 metri di profondità, quota mai raggiunta da una sonda marziana.


Tratto dall'ultimo numero pubblicato di Coelum Astronomia, rivista di informazione astronomica. La rivista viene distribuita gratuitamente via web. Potete liberamente scaricarvela e leggerla dove preferite. Link diretto al numero 199.

giovedì 7 aprile 2016

Notizie da Marte

Mars Science Laboratory

Curiosity – Marte, Sol 1282 (14 marzo 2016).

Il grande rover si trova alle falde del Monte Sharp, una formazione rocciosa alta 4800 metri posta al centro del cratere Gale, dove è atterrato oltre tre anni fa.

Il controllo missione ha nominato la nuova equipe che si occuperà del rover ed è composta di 28 elementi, sei dei quali nuovi per questa specifica missione.

Durante la missione primaria di Curiosity, completata nel 2014, il progetto ha raggiunto il suo obiettivo principale, trovando prove che Marte anticamente ha offerto condizioni ambientali tali da possedere tutti i requisiti per sostenere la vita microbica.
Durante la prima missione estesa di Curiosity, i ricercatori stanno utilizzando il rover nei pressi delle falde del monte Sharp per studiare le stratificazioni e capire come è cambiato l’ambiente di Marte passando da condizioni di bagnato favorevoli per la vita microbica alle attuali severe condizioni asciutte.

Il lavoro prosegue.


Tratto dall'ultimo numero pubblicato di Coelum Astronomia, rivista di informazione astronomica.
La rivista viene distribuita gratuitamente via web.
Potete liberamente scaricarvela e leggerla dove preferite.
Link diretto al numero 199.

mercoledì 6 aprile 2016

Notizie da Marte

Mars Exploration Rover.

Opportunity – Marte, Sol 4315 (14 marzo 2016).

Il MER-B si trova sul margine meridionale della “Marathon Valley”, su una superficie inclinata verso sud di 30 gradi, il “Knudsen Ridge”, in modo da massimizzare l’illuminazione dei pannelli solari.

Il dodicesimo compleanno su Marte è passato e con lui sta anche passando l’inverno che ha costretto il team di Terra a minimizzare le operazioni del rover che si sono limitate a riprendere delle immagini e alla rilevazioni dei parametri meteorologici.
È stata scelta una posizione privilegiata, non soltanto per l’inclinazione a sud, ma anche per la presenza di materiali argillosi intorno a lui in modo da poterne osservare il comportamento durante il periodo invernale.
Periodo invernale che comincia ad essere alle spalle e quindi il nostro rover sta ricominciando ad effettuare dei piccoli movimenti per analizzare ciò che lo circonda.

Al Sol 4303 (1 marzo 2016), l’energia generata dai pannelli solari è stata di 585 Wh con un’opacità atmosferica (Tau) di 0,429 e un fattore polvere sui pannelli di 0,736 (pannelli perfettamente puliti hanno un fattore polvere di 1).
Tutti i sistemi sono in condizioni di funzionamento nominale.
L’odometria totale è ora a 42,66 km percorsi sulla superficie di Marte, più di una maratona...

Tratto dall'ultimo numero pubblicato di Coelum Astronomia, rivista di informazione astronomica.
La rivista viene distribuita gratuitamente via web.
Potete liberamente scaricarvela e leggerla dove preferite.
Link diretto al numero 199.

sabato 19 marzo 2016

Equinozio di Primavera

Cambio di stagione: precisamente alle 0430 UTC (Tempo Universale Coordinato) equivalenti alle 5:30 italiane del 20 marzo, sul pianeta Terra si ha l'inizio astronomico della primavera per l'emisfero boreale (settentrionale) e dell'autunno per l'emisfero australe (meridionale).

[Wikipedia]
L'equinozio (dal latino "notte uguale" dato che il giorno e la notte hanno la stessa durata su tutto il pianeta) è il giorno in cui il Sole, all'Equatore, sorge e tramonta verticalmente passando per lo Zenith.
Convenzionalmente si pone al 21 marzo, anche se con le variazioni dovute all'anno bisestile cade spesso il 20 marzo.

Buona primavera (o autunno) a tutti!

domenica 20 dicembre 2015

Solstizio invernale.

Il 22 dicembre 2015 alle 0448 UTC (5:48 italiane del 22 dicembre) cade il solstizio invernale per il nostro emisfero Boreale, mentre per l'emisfero Australe sarà solstizio estivo.
Percorso del Sole in cielo nei vari momenti dell'anno.
[Google images]
Siamo quindi al giorno più corto dell'anno (e di conseguenza la notte più lunga).

Il solstizio invernale in astronomia è definito come il momento in cui il Sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l'eclittica, il punto di declinazione minima, cioè percorre nel cielo l'arco più basso dell'anno.

Infatti sol-stizio significa fermata del Sole (il Sole staziona): smette di scendere giorno dopo giorno per ricominciare a percorrere archi progressivamente più alti sull'orizzonte.

Le giornate inizieranno ad allungarsi, anche se per i primi giorni sarà un allungamento impercettibile.

Buon inverno e buone feste a tutti...

lunedì 21 settembre 2015

Equinozio d'Autunno

L'equinozio (dal latino "notte uguale" dato che il giorno e la notte hanno la stessa durata) è il giorno in cui il Sole, all'Equatore, sorge e tramonta verticalmente passando per lo Zenith.
Convenzionalmente si pone al 23 settembre, anche se con le variazioni dovute all'anno bisestile può cadere il 22 settembre.
[Wikipedia]


Quello di settembre stabilisce l'inizio dell'autunno per l'emisfero boreale e della primavera per l'emisfero australe.

Quest'anno l'equinozio settembrino cade astronomicamente alle 0821 UTC (le 10:21 CEST, italiane) del 23 settembre.

Buon autunno a tutti!

sabato 20 giugno 2015

Solstizio estivo

Domani, 21 giugno, alle 1638 UTC (le 18:38 italiane), per l'emisfero Boreale avremo il Solstizio Estivo del 2015.
Il Sole raggiunge la massima declinazione nel suo movimento apparente rispetto al piano dell'eclittica.

[Wikipedia]
In pratica a mezzogiorno il Sole raggiunge nel nostro emisfero il punto più alto e si ha il giorno più lungo dell'anno (e di conseguenza la notte più corta), inoltre il Sole passa allo Zenith sul tropico del Cancro.
All'interno di tutto il circolo polare artico il Sole non tramonta e all'interno di tutto il circolo polare antartico non sorge.

Per l'emisfero Australe inizia invece l'inverno.

Dal giorno successivo per noi cominciano ad accorciarsi le giornate.

Buona Estate a tutti!!!

venerdì 22 maggio 2015

Un equipaggio attorno a Venere e Marte nel 2021

Un progetto russo per inviare un veicolo spaziale con equipaggio attorno a Venere e Marte nel 2021.

Nel 2021 Venere, Terra e Marte saranno allineati in modo da rendere possibile l’esecuzione di un flyby multiplo nel corso di una singola missione senza condurre manovre di propulsione meritevoli di menzione.
Indubbiamente questa è un'opportunità unica per un viaggio con equipaggio considerando anche che nel 2013 il turista spaziale e milionario Dennis Tito ha promosso l'iniziativa “Inspiration Mars” per inviare sul pianeta rosso un veicolo spaziale con un equipaggio di due astronauti.
Navicella interplanetaria diretta verso Marte formata da due ATV modificati,
un nodo russo e una Cupola
(la capsula Soyuz non è visibile dato che si trova all'interno di uno degli ATV)
[Aleksandr Khokhlov]
Inspiration Mars ha cercato sostenitori nel mondo e un team di appassionati russi ha risposto alla chiamata per la creazione della missione spaziale proponendo di utilizzare tecnologie provenienti da Russia, Stati Uniti e Europa.

Il progetto, condotto dall'ingegnere aerospaziale Alaksandr Khokhlov, era eccezionale e sorprendente perché prevedeva l'utilizzo di elementi già in servizio o che lo potrebbero diventare in un prossimo futuro. Inizialmente il piano era quello di lanciare la missione Inspiration Mars nel 2018, ma ben presto divenne chiaro che sarebbe stato impossibile preparare una missione simile in così poco tempo.
Il piano era di assemblare in orbita bassa un veicolo spaziale costituito da un ATV europeo modificato, un nodo di costruzione russa con quattro porte di attracco e un modulo panoramico simile alla Cupola della ISS. Il nodo, identico al russo Prichal che dovrà essere agganciato alla Stazione Spaziale Internazionale, incorpora anche un'antenna di comunicazione ad alto guadagno.

Navicella interplanetaria proposta da Khokhlov per Inspiration Mars
[Team Russia]
Per tornare sulla Terra, l'equipaggio di due cosmonauti impiegherebbe una capsula Soyuz (SA) montata nella parte posteriore dell’ATV, al suo interno. Per sopportare il rientro atmosferico a più di 11 km/s, la protezione termica della Soyuz deve essere rinforzata e ATC ne avrebbe progettata una per consentire alla capsula di affrontare l’atmosfera a quella velocità e resistere alle temperature dell'orbita di Venere, ma gli altri elementi della missione sarebbero identici a quelli usati sulla ISS. Ciò include il sistema di supporto vitale a bordo dell’ATV, il quale sarebbe un insieme di sistemi attualmente utilizzati sulla Stazione Spaziale.

Una delle debolezze della missione sarebbe la manovra per uscire dall'orbita della Terra. Per raggiungere la velocità di fuga sarebbero necessari almeno quattro upper-stage Briz-M, che andrebbero precedentemente modificati per consentire l'accoppiamento reciproco.
Schema della nave interplanetaria,
dove la capsula Soyuz è stata inserita nell’ATV
[Team Russia]
In totale, la missione richiederebbe sei lanci, cinque dal lanciatore Proton-M (la sonda interplanetaria potrebbe andare in orbita con un solo vettore) e uno di un razzo Soyuz con una Soyuz TMA in grado di attraccare alla sonda con tre astronauti a bordo: due dei cosmonauti passerebbero sulla navicella interplanetaria mentre il comandante riporterebbe la Soyuz TMA sulla Terra da solo.
Lasciando da parte la dubbia affidabilità che il vettore Proton ha dimostrato negli ultimi anni, bisogna vedere se questo lanciatore sarebbe in grado di eseguire cinque missioni di fila a colpo sicuro, mentre un altro anello debole sarebbero i quattro stadi orbitali Briz-M che dovrebbero funzionare perfettamente uno dietro l'altro o l'equipaggio sarebbe inserito in un'orbita errata intorno al sole, senza alcuna possibilità di salvataggio.

Aspetto della sonda interplanetaria prima di lasciare l'orbita terrestre.
I quattro stadi Briz-M sono necessari per raggiungere la velocità di fuga
e la navicella spaziale Soyuz porterebbe l’equipaggio
sul veicolo per la missione [Team Russia]
Comunque il progetto Inspiration Mars sembra che stia languendo, e perciò i ragazzi di Khokhlov hanno recentemente deciso di fare un salto in avanti e proporre in proprio una versione modificata della missione per la finestra di lancio del 2021.
La differenza principale con il progetto precedente è che ora la struttura principale consisterebbe di due ATV invece di uno, al fine di aumentare la ridondanza dei sistemi e le possibilità di successo della missione.
La navicella interplanetaria con un equipaggio di due persone partirebbe dalla Terra il 22 Novembre 2021 per svolgere una missione di 600 giorni circa. Il 4 Aprile 2022 arriverebbe vicino a Venere utilizzandola per cambiare la sua traiettoria in modo da sorvolare Marte il 12 ottobre 2022. Infine, con un po' di fortuna, gli astronauti rientrerebbero nell'atmosfera terrestre con la Soyuz modificata il 27 giugno 2023.

Un altro punto debole di questa missione può essere l'approvvigionamento di rifornimenti per l'equipaggio: due persone in 600 giorni hanno bisogno di molto cibo e liquidi e il volume disponibile non sarebbe sufficiente. Una possibile aggiunta, grazie al nodo di interconnessione, potrebbe essere rappresentata da un modulo gonfiabile della Bigelow, in grado di fungere da magazzino.

Navicella interplanetaria che potrebbe sorvolare Venere e Marte.
È formata da due ATV modificati, un nodo e una Cupola
(la capsula Soyuz non è visibile in quanto all'interno dell’ATV di coda)
[Aleksandr Khokhlov]
In questo modo avrebbe luogo la prima, seppur breve, visita dell'umanità a Venere e Marte. Durante i due sorvoli i cosmonauti godrebbero di una vista mozzafiato dal modulo Cupola e anche se si verificasse una tempesta solare potrebbero rifugiarsi all'interno della capsula Soyuz che con la doppia scocca dovrebbe ridurre a valori accettabili la dose di radiazione ricevuta.

Questa missione non è così importante per il suo interesse scientifico (se escludiamo i dati che si raccoglierebbero sulle missioni abitate nello spazio profondo), ma non si può dire che non sia interessante. Il fatto è che, a torto o a ragione, nessuna agenzia spaziale ha mostrato interesse in essa, e così il team di Khokhlov sta cercando finanziamenti per presentare un progetto preliminare che potrebbe essere la base per una missione reale. Khokhlov ha stimato il costo di questa avventura in circa sei miliardi di dollari, quindi qualcosa mi dice che nel 2021 non vedremo né Venere e né Marte da nessun veicolo spaziale abitato.

Ma in fondo chi lo sa, del resto sognare è gratuito.


Tratto, tradotto e adattato da Eureka, sito di informazione spaziale in lingua spagnola curato da Daniel Marín. Link alla notizia originale.