Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

sabato 11 dicembre 2010

Odyssey verso il record.

La prossima settimana il 2001 Mars Odyssey Orbiter della NASA avrà lavorato su Marte più a lungo di qualsiasi altro veicolo spaziale.

Odyssey, lanciato il 7 aprile 2001, entrò in orbita intorno a Marte il 24 ottobre dello stesso anno. Il 15 dicembre prossimo sarà il 3340° giorno dall'arrivo, superando così il record di longevità marziana fissato dal suo predecessore, il Mars Global Surveyor, che ha operato in orbita dall'11 settembre 1997, al 2 novembre 2006.

Lo schema dell'Odyssey [JPL].
Odyssey ha fatto nei primi mesi di missione la sua scoperta più famosa - la prova della presenza di molta acqua ghiacciata appena sotto l'arida superficie di Marte - ed ha completato il controllo delle radiazioni presenti sul Pianeta Rosso per la sicurezza dei futuri astronauti, e tutto prima della fine della sua missione primaria nel 2004. Gli anni aggiuntivi della missione estesa hanno permesso molti altri studi che non sarebbe stato possibile effettuare altrimenti.
"Questi anni in più ci hanno permesso di costruire le mappe a più alta risoluzione che coprono praticamente l'intero pianeta", ha detto l'Odyssey Project Scientist Jeffrey Plaut del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California
Le mappe sono montaggi di immagini riprese dalla fotocamera Thermal Emission Imaging System (THEMIS) dell'orbiter, gestite e fornite dall'Arizona State University, di Tempe. Per celebrare l'avvicinamento al record di longevità su Marte, il team di THEMIS e la NASA hanno preparato una spettacolare raccolta di immagini,

La longevità dell'orbiter ha dato agli scienziati l'opportunità di monitorare le variazioni stagionali su Marte di anno in anno, come il ciclo di congelamento e accumulo dell'anidride carbonica dall'atmosfera nelle regioni polari durante l'inverno di ogni emisfero. "È impressionante come i modelli si sono ripetuti in modo coerente di anno in anno e questo è un confronto che non sarebbe stato possibile senza la nostra missione estesa", ha detto Plaut.

Le ottime performance di Odyssey hanno anche aiutato lo svolgimento di altre missioni. Quando i Mars Exploration Rovers, Spirit e Opportunity, hanno superato di gran lunga la loro vita operativa prevista, Odyssey è rimasto disponibile come ripetitore primario di comunicazione dei rover. Quasi tutti i dati scientifici provenienti dai MER e anche quelli che giungevano dal Phoenix Mars Lander hanno raggiunto la Terra tramite Odyssey. È diventata anche il filo portante della continua osservazione meteorologica eseguita da una serie di sonde orbitali della NASA: il Mars Global Surveyor, la stessa Odyssey, e il Mars Reconnaissance Orbiter, che ha iniziato la sua missione scientifica alla fine del 2006.

"Centinaia di persone che hanno progettato e costruito la sonda Odyssey, oltre al piccolo gruppo che segue le operazioni oggi, sono fieri di vedere la navicella raggiungere questo traguardo", ha dichiarato Bob Berry, direttore del programma Odyssey presso la Lockheed Martin Space Systems.
I trionfi scientifici di Odyssey sono iniziati nei primi mesi del 2002 con il rilevamento dell'idrogeno appena sotto la superficie in tutte le regioni ad alta latitudine del pianeta. La deduzione che l'idrogeno è quello contenuto nell'acqua congelata è poi stato confermato dalla missione Phoenix nel 2008.
I ricercatori della University of Arizona, a Tucson, hanno guidato le operazioni della suite di strumenti Gamma Ray Spectrometer, che aveva rilevato l'idrogeno e successivamente mappato la distribuzione di diversi altri elementi su Marte. Ulteriori partner scientifici si trovano all'Agenzia Spaziale Russa, che ha fornito il rivelatore di neutroni ad alta energia, e al Los Alamos National Laboratories, nel New Mexico, che ha fornito lo spettrometro a neutroni.

L'obiettivo scientifico di controllo dei livelli di radiazione presenti attorno a Marte per aiutare la pianificazione di future missioni umane, è stato completato dal Mars Radiation Environment Experiment, sviluppato al Johnson Space Center di Houston.

La NASA ha preparato nuovo lavoro per Odyssey, oltre a continuare le sue osservazioni scientifiche e il suo servizio di inoltro dei dati per la missione Mars Exploration Rover. Se necessario, i controllori adegueranno anche l'orbita della sonda in modo che si trovi in una posizione favorevole per fare da ripetitore delle comunicazioni durante lo sbarco dell'agosto 2012 del prossimo Mars Rover della NASA, Curiosity.

Nessun commento: