Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

venerdì 15 ottobre 2010

Incidente nel Sistema Solare.

L'anno scorso il telescopio spaziale Hubble è stato puntato su una cosa strana all'interno del Sistema Solare. Si trattava di un asteroide con la coda rilevato da un osservatorio terrestre facente parte del progetto LINEAR (Lincoln Near-Earth Research).
Quattro diverse riprese di P/2010 A2.
L'asteroide si stava progressivamente
allontanando da noi passando da 160 milioni di km
a oltre 350 alla fine di maggio.
[NASA, ESA e D. Jewitt (UCLA)]
Le osservazioni sono quindi proseguite per circa cinque mesi, dal gennaio al maggio di quest'anno per mezzo della Wide Field Camera 3, installata su Hubble durante l'ultima missione di manutenzione.

Già dalle prime immagini è stato subito notato che l'oggetto non era una cometa come inizialmente sospettato e il fatto che avesse una "testa" ben visibile di circa 120 metri di diametro lo aveva fatto ritornare nel suo rango di roccia.
Questa coda di pulviscolo (composto da sassolini di dimensioni comprese fra 25 e 1 mm) non lasciava molte ipotesi possibili riguardanti la sua natura e quella più plausibile resta la collisione.
P/2010 A2 (questo il nome dell'asteroide) potrebbe essere stato colpito da un altro oggetto delle dimensioni di un autocarro, ma ad una velocità di circa 18'000 km/h.
Permane perplessità sul fatto che gli studiosi si aspettassero che una collisione di questo tipo (con un'energia in ballo equivalente all'esplosione di una piccola bomba atomica) potesse generare una nuvola di detriti che si espande intorno all'oggetto colpito in tutte le direzioni. La configurazione osservata suggerisce che il vento solare abbia un forte effetto sui detriti, ma gli studi sono ancora in corso e soprattutto, l'oggetto si sta nuovamente avvicinando alla Terra. Potrà così essere anche approfondito il motivo per cui i detriti nei pressi dell'asteroide si siano posizionati in una strana configurazione ad "X".

Questo caso evidenzia come ci siano ancora molte cose da scoprire già all'interno del nostro piccolo Sistema Stellare, senza bisogno di scomodare tutto il resto dell'Universo.

1 commento:

Sanduleak SN ha detto...

Non ci sono più gli asteroidi di una volta.....
Che mondo! Chissà dove andremo a finire!!!
...è sparita anche la mezza stagione... ^__^