Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

domenica 13 giugno 2010

Hayabusa ce l'ha fatta.

Lo spettacolo dello spazio continua.
La sonda giapponese Hayabusa è ritornata a casa e dopo aver rilasciato la capsula con i campioni prelevati dall'asteroide Itokawa, ha effettuato uno spettacolare rientro nei cieli notturni dell'Australia.
Erano le 1351 UTC quando è stata scattata da Ozaki Takashi (©) la fotografia qui allegata che con una lunga esposizione immortala lo splendore della fine missione, una delle più sofferte di tutti i tempi. A causa di innumerevoli guasti il centro controllo ha dovuto inventare le soluzioni più disparate per risolvere tutti i problemi che man mano si verificavano sulla sonda. Dall'uso dei pannelli solari come vela allo sfruttamento dei motori a ioni per le correzioni di rotta.

Comunque la caparbietà orientale è stata premiata e dopo 7 anni di viaggio Hayabusa è riuscita a completare la missione. Resta ancora il dubbio se effettivamente nella capsula di rientro siano presenti i campioni di materiale, ma per questo ci saranno i laboratori che si prenderanno carico di verificarlo.

Bentornato a casa, Falco Pellegrino!

Aggiornamento.
La JAXA ha comunicato di aver localizzato la capsula rientrata e ne prevede il recupero domattina.
Qui sotto il video ripreso dal DC-8 della NASA da cui si vede la disintegrazione della sonda e la piccola capsula che invece prosegue sulla sua traiettoria.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Una missione da ricordare...con amore!

davide.crescini ha detto...

bellissimo...

Sanduleak SN ha detto...

お帰り
Okaeri........ Hayabusa!