Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

lunedì 14 giugno 2010

Recuperata la capsula di Hayabusa.

La piccola capsula di circa 40 cm di diametro è stata recuperata oggi nella base australiana Woomera.
Ad un controllo visivo appare perfetta e senza nessun tipo di danno. È anche stato recuperato lo scudo termico per verificarne le condizioni dopo il surriscaldamento sopportato durante il rientro a 43'000 km/h.

Ora dovranno essere rispettati dei rigorosi protocolli per l'apertura del contenitore in modo da evitare assolutamente delle eventuali contaminazioni.

Piccola nota a margine. Hayabusa, secondo i piani originari della missione, non doveva entrare in atmosfera, ma eseguire solo un passaggio radente per poi continuare la sua esplorazione. Purtroppo le anomalie che ha subito non hanno lasciato la possibilità di alternative.

In foto la capsula con il suo paracadute e le squadre in recupero.
Fonte: JAXA.

4 commenti:

Sanduleak SN ha detto...

Speriamo che valga il detto che nella botte piccola c'è il vino buono....in questo caso quello prodotto sull'asteroide Itokawa ^__^

Anonimo ha detto...

due domande:
1) ma l'ingresso in atmosfera non crea già di x sè dei rischi contaminazione?
2) se esiste un'apertura che ha prelevato campioni asteroidali questa apertura come fa ad essere ermetica al 100%?

phoenix 1994 ha detto...

"Hayabusa, secondo i piani originari della missione, non doveva entrare in atmosfera, ma eseguire solo un passaggio radente per poi continuare la sua esplorazione."

Come la sonda Stardust, che ricordo bene e che sicuramente anche voi ricorderete, che ha lasciato cadere la capsula in atmosfera ed è poi proseguita nella sua esplorazione nello spazio. Stardust è stata lanciata il 7 febbraio 1999 per attraversare la chioma della cometa Wild 2 (attraversamento avvenuto nel 2004) ed è tutt'ora operativa e in rotta verso la cometa Tempel 1 che dovrebbe raggiungere nei primi mesi dell'anno prossimo.

peppe ha detto...

ma per caso si sa gia se la missione ha avuto successo? hanno trovato qualcosa all'interno?