Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

domenica 25 maggio 2008

Ultime da Phoenix.

E' ancora in perfetta rotta e non sono state necessarie ulteriori correzioni.
Anche il meteo nella zona di discesa è buono e non sono previste tempeste di sabbia.
Da notare la posizione delle varie sonde in orbita intorno a Marte: il "+" corrisponde alla posizione all'ingresso atmosferico e la "x" corrisponde al contatto con il suolo.
Inoltre c'è una probabilità del 30% che HiRISE, una speciale telecamera a bordo del Mars Reconaissance Orbiter, possa riprendere la discesa di Phoenix sul pianeta rosso!
Sarà un vero e proprio evento interplanetario e speriamo che vada tutto per il meglio.

Il nome Phoenix della sonda deriva dalla "rinascita" della Mars Polar Lander, scomparsa durante le fasi finali della missione il 3 dicembre 1999. Dato che era stato il secondo fallimento consecutivo (dopo aver perso il Mars Climate Orbiter per un ridicolo errore di conversione fra km e miglia), ad una copia presente al JPL era stato impedito l'invio per avere più tempo per risolvere eventuali problemi.
Così col passare del tempo la missione è evoluta fino all'attuale versione che sta giungendo a destinazione.
E pensare che il sistema a discesa con i retrorazzi aveva funzionato egregiamente nel 1975 con le sonde Viking 1 e 2, che ci avevano inviato le prime immagini dalla superficie di Marte. Il sistema ad airbag sembra più affidabile, ma è molto meno preciso come punto di discesa e quindi è più indicato per dei rover che possono poi decidere autonomamente dove andare a fare le esplorazioni. Infatti è stato il metodo usato da Sojourner e dai due MER, Spirit e Opportunity.
Inoltre Phoenix è molto più pesante degli altri e il rischio di danni è molto più presente. Ricordiamo che se la gravità su Marte è minore che sulla Terra, l'energia cinetica e l'inerzia di una certa massa non cambia al variare della gravità. Ne sanno qualcosa gli astronauti che sono andati sulla Luna: gli oltre 110 kg della tuta lunare erano leggeri, ma se prendevano lo slancio rischiavano di sbilanciarli enormemente, come si vede in alcune riprese filmate...

3 commenti:

Massimo ha detto...

Ciao Luigi, si sono collegati adesso con il centro di controllo di marte!!... speriamo che vada tutto bene!.
Probabilmente non riuscirò a stare la notte a vedere tutta la sequenza ma ho già messo in moto il registratore!... spero che con domani ci sia un'altro pezzo di storia della conquista dei pianeti del nostro sistema solare!!.
Bye
MAX

Monzitrek ha detto...

Tutta la notte no, ma almeno fino alle prime informazioni ci sarò sicuramente.
Fra un po' apro un articolo apposta con le notizie in diretta...

Massimo ha detto...

Ok allora mi tiri di rimanere almeno fino a quando sia in posizione di sicurezza... così siamo tranquilli che tutto sia andato bene!. Ma pensi che qualche immagine la possano trasmettere? ovviamente non in diretta da Marte ... o si?. grazie di tutto quello che metti on line, sono veramente un pozzo di informazioni strabilianti e bellissime!.
MAX