Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

mercoledì 19 ottobre 2011

Soyuz a Kourou, è tutto pronto

Una prova generale completa per il primo volo Arianespace di un vettore Soyuz dalla Guyana Francese è stata eseguita oggi, convalidando la missione dal conto alla rovescia alla separazione del carico nello spazio, in preparazione della storica partenza del lanciatore russo che avverrà il 20 ottobre con due satelliti Galileo.

La prova generale di oggi ha fornito una delle verifiche finali per questo volo che rappresenta una pietra miliare e offre una rappresentazione realistica della missione, compreso il volo seguito dalle stazioni di Terra per il tracciamento dei tre stadi Soyuz e del suo stadio orbitale Fregat. Questo primo lancio è designato VS01 nella classica numerazione dei lanci di Arianespace

È stata anche eseguita una simulazione dei due flussi di telemetria distinti, quello del vettore Soyuz, che viene elaborato dal suo produttore russo, il Samara Space Center-TsSKB Progress e quello dello stadio Fregat, inviato al centro di monitoraggio del volo del produttore NPO Lavochkin nella regione di Mosca, dove il personale Arianespace è presente al momento della lettura dei dati.

Jean-Claude Garreau, Launch Site Manager Operations di Arianespace per la missione VS01, ha detto che è tutto pronto per il decollo della Soyuz.
Dopo il lancio, il viaggio sul vettore durerà 3 ore e 49min, dopodichè i suoi due satelliti Galileo IOV (In-Orbit Validation) saranno inseriti su un’orbita circolare a 23’200 km, inclinata 54,7 gradi.

Il decollo della Soyuz è previsto alle 07:34:28 locali (1034:28 UTC) del 20 ottobre - un momento preciso che permette ai satelliti di venire iniettati nel loro esatto piano orbitale. Questa coppia di satelliti IOV, insieme ad altri due che saranno messi in orbita dalla Soyuz nel 2012, costituiranno il nucleo operativo della costellazione Galileo per l’ausilio alla navigazione, sistema che sarà composto da 30 satelliti.

La rete Galileo è progettata per fornire alta precisione di posizionamento globale ed è stata sviluppata in collaborazione con l'Agenzia Spaziale Europea e l'Unione Europea, oltre che essere stato concepito per l’interoperabilità con il posizionamento globale degli Stati Uniti (GPS) e col sistema GLONASS della Russia.
Entrambi i satelliti IOV lanciati in questo primo volo della Soyuz sono stati costruiti da un consorzio guidato da EADS Astrium in collaborazione con Thales Alenia Space e pesano circa 700 kg ciascuno.

Aggiornamento.
Un problema durante il caricamento dei propellenti del terzo stadio ha costretto il controllo lancio a rinviare il decollo.






Aggiornamento.
Lancio riuscito alla perfezione il 21 ottobre alle 1030 UTC.
Meno di quattro ore dopo, il vettore rilasciava i due satelliti Galileo nella loro orbita circolare a 23'200 km di quota.

Nessun commento: