Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

venerdì 7 gennaio 2011

STS-133 Continua il tormentone.

Ieri i manager della NASA hanno deciso di dare agli ingegneri più tempo per valutare le crepe nel serbatoio esterno e i possibili scenari di riparazione, escludendo un lancio all'inizio di febbraio per la navetta Discovery. La prossima finestra di lancio per gli shuttle si apre il 27 febbraio ma la NASA sta valutando se è possibile un anticipo anche solo di un paio di giorni.

Altre riunioni sono previste la prossima settimana per esaminare i progressi compiuti sulle riparazioni già ordinate per eliminare le fratture, per valutare il lavoro potenziale di irrobustimento delle altre nervature strutturali nel serbatoio esterno e per analizzare i risultati di un'analisi in corso sulla causa principale della formazione delle otto crepe scoperte fino ad oggi. Il rilascio di una nuova data di lancio è previsto dopo una riunione dei dirigenti del programma che avverrà il 13 gennaio presso il Johnson Space Center di Houston.

La prossima finestra di lancio shuttle, si apre il 3 febbraio e si chiude il 10 febbraio. La finestra successiva si apre il 27 febbraio e si chiude il 6 marzo. L'apertura della finestra di fine febbraio è basata sui piani dell'Agenzia spaziale europea, dato che il 15 febbraio è previsto il lancio del cargo ATV-2 che dovrà consegnare rifornimenti essenziali per la Stazione Spaziale Internazionale. Il piano di volo normale richiede che l’Automated Transfer Vehicle attracchi al complesso orbitale il 26 febbraio, aprendo la strada per il lancio del Discovery il giorno successivo.
Se il profilo della missione ATV può essere compresso, diventa possibile il lancio del Discovery pochi giorni prima del 27 febbraio, ma non è ancora chiaro se questo è uno scenario accettabile.

La NASA sperava di lanciare il Discovery il 1 novembre, ma il volo è stato ritardato da problemi tecnici indipendenti e, infine, il 5 novembre, da una perdita di idrogeno gassoso in una condotta da 18 centimetri sul raccordo della linea di sfiato a disconnessione rapida del serbatoio esterno.
Durante i lavori di svuotamento del serbatoio, i tecnici hanno notato crepe nella schiuma isolante vicino alla parte superiore del vano intertank che separa il serbatoio di idrogeno da quello di ossigeno. Quando la schiuma danneggiata è stata rimossa, sono state trovate quattro fessure in due traverse adiacenti.
Dopo un test di rifornimento il 17 dicembre per raccogliere dati strumentali su come l'esposizione a temperature criogeniche colpisca le nervature dell’intertank, il Discovery è stato spostato di nuovo al Vehicle Assembly Building per ulteriori controlli. Il 29 dicembre sono state trovate quattro crepe più piccole su tre diverse traverse poste sul lato opposto del serbatoio rispetto allo shuttle.

Le quattro crepe scoperte con le indagini iniziate dopo la sfaldature della schiuma del 5 novembre sono state riparate aggiungendo segmenti di traversa nuova montati sopra a quelli rotti per fornire la resistenza supplementare. Lo stesso intervento di riparazione è stato ordinato per le ultime crepe scoperte nel VAB. Poiché i tecnici non sono stati in grado di determinare la causa principale di queste fratture, i manager della NASA hanno anche ordinato che i rinforzi venissero montati sulle altre 32 nervature poste su entrambi i lati dell’ET in corrispondenza dei due pannelli dove sono montati i booster SRB.
L’intertank è costituito da 108 nervature e i manager NASA stanno valutando l'opportunità di installare i rinforzi lungo tutta la circonferenza del serbatoio esterno per garantire un adeguato margine di sicurezza. Mentre una singola causa delle crepe non è stata determinata, sembra che i pezzi in questione siano stati realizzati con una lega di alluminio proveniente da un lotto prodotto nel 2002, che ha un aspetto maculato e non risulta essere forte come gli ingegneri hanno previsto.

Con l'aggiunta di questa modifica, le prove indicano che il margine di sicurezza strutturale del serbatoio sarà più che sufficiente, anche se gli ingegneri necessitano di assicurarsi che le modifiche non abbiano conseguenze indesiderate e quindi l'analisi è ancora in corso.

1 commento:

Sanduleak SN ha detto...

Ehi! Bentornato!!!
Prezioso come sempre il tuo blog ^__-
Felice di rileggerti!

La telenovela Discovery non può terminare se non ci sei tu a "raccontarcela"! ^__^