Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

venerdì 3 dicembre 2010

STS-133 Rinvio a febbraio.

Il lancio della navetta Discovery è stato nuovamente rimandato e questa volta, come avevo preannunciato, si tratta di un lungo rinvio.
La nuova data stabilita è il 3 febbraio alle 1:34:28 antimeridiane, ora della Florida (le 0634:28 UTC e quindi le 7:34 italiane) e il rientro avverrebbe il 13 febbraio.
La passerella d'accesso alla White Room
 e alla cabina dell'orbiter [NASA].
Come conseguenza di questo slittamento ci sarebbe una sorta di effetto domino che sposterebbe il lancio di STS-134 al primo aprile alle 0715:55 UTC (le 9:16 italiane) e l'ultimo lancio (STS-135 che attende ancora una conferma ufficiale) passerebbe all'estate 2011.

Detto questo occorre precisare una cosa importante. I tecnici sul pad 39/A non hanno ancora capito l'origine delle fratture nelle nervature dell'intertank e, benché siano state riparate, permane una certa dose di preoccupazione.
Ulteriori analisi con raggi x e ultrasuoni sono in corso per capire se altre zone del grande serbatoio hanno difetti simili, ma gli ingegneri NASA vorrebbero avere le idee più chiare.

Due sono le possibili conseguenze di queste fratture: il distacco di larghe parti di schiuma isolante dall'External Tank (che hanno provocato il disastro del Columbia nel 2003) o un problema all'integrità strutturale del serbatoio (che è stata sia un effetto che una causa del disastro del Challenger nel 1986).

Le discussioni sono in corso per capire cosa abbia provocato il danno, ma la teoria più accreditata porta a considerare le forze combinate fra gli stress termici e gli stress meccanici del peso dei propellenti in caricamento durante le operazioni pre-lancio sul pad. Occorre quindi eseguire un altro test di caricamento del serbatoio per poter montare dei sensori ad hoc e seguire l'evolversi delle tensioni nella struttura.

Comunque dopo il rinvio odierno, la NASA ha dato ai tecnici molto tempo per eseguire i loro test.
E ovviamente per garantire all'equipaggio un volo con il massimo grado di sicurezza.

1 commento:

Sanduleak SN ha detto...

Della serie: LA LENTA AGONIA!!! Di tutti i lanci della Discovery, mi sa che questo è quello che resterà di più negli annali e nell'immaginario collettivo............per tanti motivi!!!