Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

martedì 3 agosto 2010

Definito il piano di riparazione per la ISS.

Douglas Wheelock e Tracy Caldwell Dyson: sono loro due gli incaricati della sostituzione della pompa del circuito di raffreddamento che si è bloccata domenica mattina.

Effettueranno la prima attività extraveicolare venerdì mattina alle 1055 UTC quando usciranno per iniziare a preparare la nuova pompa stoccata sul traliccio nei pressi di quella guasta. La seconda escursione per eseguire tutti gli allacci elettrici e ai circuiti dell'ammoniaca avverrà lunedì.
Questo componente fa parte delle 14 parti indispensabili al funzionamento della Stazione e con 4 ricambi si può stare abbastanza tranquilli. I responsabili di missione sapevano che prima o poi una pompa si sarebbe guastata, anche se non credevano che sarebbe successo così presto. Con un tempo medio previsto fra guasti di 100'000 ore, il funzionamento di questo componente è stato di sole 80'000 ore.
La pompa costruita dalla Boeing, è lunga 1,70 m, larga 1,2 m e alta 0,9 m ed è troppo grande per essere caricata a bordo di un ATV o di un cargo Progress.

Con gli ultimi lanci Shuttle si sta cercando di completare il più possibile la scorta di parti di ricambio indispensabili, proprio per prevenire queste situazioni potenzialmente a pericolose per l'intera Stazione: in questo momento la ISS sta correndo un rischio "importante", dato che si trova senza un sistema di refrigerazione di scorta. Se dovesse guastarsi anche il circuito B sarebbe un vero disastro.

Questo è il motivo principale per cui si stanno accorciando il più possibile i tempi ma senza imporre eccessiva fretta che potrebbe mettere a rischio i membri dell'equipaggio.
Per lavori di questo tipo è importante ad esempio avere tempi lunghi dal termine delle operazioni e il rientro a bordo. Avendo a che fare con l'ammoniaca, è molto importante che gli astronauti non ne abbiano delle piccole quantità depositata sulle tute. Impiegando un po' di tempo dalla fine del lavoro al rientro si permette all'ammoniaca di evaporare nello spazio.

In foto Tracy e Doug iniziano la preparazione delle tute per il duro lavoro di venerdì.
Fonte: NASA.

1 commento:

phoenix 1994 ha detto...

Che succede se gli astronauti rientrano a bordo con piccole quantità di ammoniaca sulle tute?