Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

giovedì 12 marzo 2009

Allarme sulla ISS.

Un detrito si sta pericolosamente avvicinando alla International Space Station, tanto che l'equipaggio ha l'ordine di chiudere tutti i boccaporti e rifugiarsi sulla Soyuz.
Pare che l'orbita non sia stata prevista in modo corretto e quindi ci sia un avvicinamento a meno di 5 km di distanza.
In questo momento stanno proprio entrando nella capsula.

Aggiornamento.
Scampato pericolo.
In base alle prime notizie il frammento era di circa 3cm e avrebbe potuto causare danni devastanti alla Stazione se fosse avvenuto l'impatto.
L'equipaggio è stato mandato all'interno della Soyuz pronto per la partenza in caso che le cose si fossero messe male. Tutti i portelli interni sono stati chiusi per circoscrivere l'eventuale perdita di pressione a causa di una potenziale falla.
Ora stanno tornando alle normali operazioni, ma il timore di un impatto era molto concreto.
L'avvicinamento massimo, circa 4,5km, è avvenuto alle 16:39:41 UTC.

A scanso di equivoci (e a giudicare da come presentano la notizia i giornali) non vi è stato alcun impatto e la stazione non è stata evacuata.

Aggiornamento.
Il detrito era un peso d'inerzia dello stadio orbitale PAM-D, di circa un centimetro di diametro e con massa inferiore al kg. Questi contrappesi variano il momento d'inerzia dei veicoli per imprimere o rallentarne la rotazione sul proprio asse e sono normalmente agganciati a dei cavi d'acciaio.
Il codice del Satellite Catalog è 25090 (1993-32D) e proviene dal lancio del satellite NAVSTAR 32 (USA 91), partito il 13 maggio 1993.

Tutto ok quindi, ma soprattutto tutte le procedure di sicurezza hanno funzionato alla perfezione.

Nessun commento: