Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

venerdì 16 gennaio 2009

Metano su Marte.

Un team composto da scienziati universitari e della NASA ha ottenuto la prima definitiva rilevazione in assoluto di metano nell’atmosfera di Marte.
Questa scoperta dimostra che il pianeta è biologicamente e geologicamente attivo.
Il gruppo ha trovato il metano nell’atmosfera marziana grazie all’attenta osservazione del pianeta durante diversi anni utilizzando il telescopio ad infrarossi ed il telescopio Keck, entrambi a Mauna Kea, nelle isole Hawaii.
Ha utilizzato degli spettrometri montati sui telescopi per suddividere la luce nei suoi colori fondamentali, scoprendo tre linee di assorbimento che segnalano senza ombra di dubbio la presenza di metano.
“Il metano è rapidamente distrutto nell’atmosfera di Marte in diversi modi e quindi la nostra scoperta della presenza di questo gas nell’emisfero settentrionale durante il 2003 indica la presenza di qualche processo che produce il gas”, ha detto Michael Mumma, del Goddard Space Flight Center di Greenbelt, in Maryland. “Durante la parte centrale dell’estate nel nord del pianeta rosso, il metano viene rilasciato ad un ritmo simile a quello rilevato al Coal Oil Point di Santa Barbara, in California”, un sito di circa tre km quadrati dove filtrano in atmosfera circa 40 tonnellate al giorno di metano provenienti dal sottosuolo.
Il metano è composto da quattro atomi di idrogeno uniti ad un atomo di carbonio ed è il principale componente del gas naturale terrestre. Gli astrobiologi sono interessati a questi dati perché gli organismi producono la maggior parte del metano terrestre digerendo i nutrienti, anche se esistono processi esclusivamente geologici che lo producono, come l’ossidazione del ferro.
Mumma ha aggiunto:“Per ora non abbiamo ancora sufficienti informazioni per dire se è un processo biologico o geologico a produrre il metano su Marte, ma ci dice che il pianeta è ancora vivo, almeno in senso geologico. È come se Marte ci stesse sfidando dicendo ‘Hei, indovina cosa significa...’”.
Se il metano è prodotto da vita microscopica marziana, questa deve trovarsi molto in profondità, dove fa sufficientemente caldo per mantenere liquida l’acqua. L’acqua liquida è necessaria per tutte le forme di vita conosciute, così come una fonte di energia ed un apporto di carbonio.
“Sulla Terra i microorganismi prosperano anche oltre i 3 km di profondità sotto il lago Witwatersrand nel SudAfrica, dove la radioattività divide le molecole d’acqua in idrogeno ed ossigeno molecolare”, ha continuato Mumma. “Gli organismi usano l’idrogeno come fonte d’energia e potrebbe essere possibile per simili organismi sopravvivere per miliardi di anni al disotto del permafrost di Marte, dove l’acqua è liquida, le radiazioni forniscono l’energia e il biossido di carbonio dà il carbonio. I gas come il metano si accumulano nel sottosuolo e fuoriescono da spaccature nella stagione calda”.
È possibile che sia un processo geologico a produrre il metano, sia oggi che nel passato. Sulla Terra la conversione di ossido di ferro viene attivata dal calore e questo potrebbe avvenire anche su Marte grazie al suo calore interno. Resta il fatto che non c’è traccia di vulcanismo attivo sul pianeta rosso.
“Abbiamo osservato e mappato diverse zone fra cui una che rilascia circa 19'000 tonnellate di metano”, ha detto Geronimo Villanueva, coautore della ricerca e facente parte della Catholic University of America di Washington. “E i getti vengono emessi durante le stagioni più calde, primavera ed estate, quando lo strato di ghiaccio si fessura liberando il gas”.
Il team ha anche affermato che la presenza di metano è maggiore nelle zone dove è stata rilevata un’antica attività dell’acqua. I punti dove è più facile trovarlo sono ad est di Arabia Terra, la regione della Nili Fossae, ed il quadrante sudest del Syrtis Major, un antico vulcano largo circa 1200 km.
Un sistema per capire se questo metano è stato generato da attività biologiche è misurare la quantità di isotopi. Gli isotopi di un elemento hanno proprietà chimiche leggermente differenti e la vita preferisce gli isotopi più leggeri. Il deuterio è un elemento chimico più pesante dell’idrogeno e il metano e l’acqua marziane dovrebbero mostrare frazioni differenti di isotopi di idrogeno se la vita fosse responsabile del metano.
E questo tipo di analisi sono quelle che il prossimo rover MSL, Mars Science Laboratory, potrà eseguire, scoprendo così l’origine del metano marziano.

Fonte: NASA.

1 commento:

Massimo ha detto...

Questa si che è una spiegazione!!... Grazie Luigi...!

MAX