Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

mercoledì 18 gennaio 2012

Un pensiero dallo Spazio

E' un'immagine molto triste questa della Costa Concordia ripresa dai satelliti della DigitalGlobe.
Il leviatano agonizzante giace riverso lungo la costa dell'isola del Giglio, con il suo carico di felicità trasformato in desolazione e morte.
© 2012 DigitalGlobe, Inc.
Il punto di vista è inusuale per le persone comuni, ma per noi che viviamo nello Spazio almeno con lo spirito, è una di quelle fotografie che ci lasciano l'amaro in bocca, soprattutto pensando a come si sono svolti i fatti di cui questa foto è testimone.
Il pensiero non può che andare alle migliaia di persone che saranno segnate per tutta la vita da una esperienza terribile, ma soprattutto a quelle che sono rimaste vittima di questo evento, della stupidità umana.

Qui la trovate a piena definizione.

3 commenti:

Marcello ha detto...

Foto davvero incredibile... ma quale satellite l'ha scattata?

Papà ha detto...

La foto dallo spazio ci fa capire molto bene la proporzione tra la nave e la porzione di isola contro cui è andata a sbattere e si vede benissimo quanto fosse maledettamente vicina agli scogli .L'elettronica e gli strumenti ci avvertono dei pericoli ma non ci proteggono dalla spavalderia e dalla sufficienza dei comportamenti umani .

Sanduleak ha detto...

@Marcello: l'hanno scattata i satelliti della DigitalGlobe.

@Papà: ti quoto! Personalmente sono abbastanza stufa di vedere incompetenti a cui viene dato in mano un ruolo di comando. Questa non è una fatalità!
E comunque la tragedia della Moby Prince era stata motivo di altrettanto dolore...

http://www.mobyprince.it/img/2007-01-gg-1841-43_big.gif
Perchè abbiamo la memoria così corta?