Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

martedì 6 dicembre 2011

Un'altra Terra? Probabilmente sì!

Il telescopio spaziale Kepler, gestito della NASA, ha scoperto un pianeta che orbita attorno a un'altra stella alla giusta distanza per avere temperature confortevoli, sostenere un ambiente con acqua allo stato liquido e quindi è possibile che sia presente la vita come la intendiamo noi.
Ricostruzione artistica del pianeta.
Kepler-22b, questo il nome assegnatogli, orbita attorno a una stella molto simile al Sole. Il pianeta è di circa 2,4 volte il raggio della Terra e ha un anno della durata di circa 290 giorni. Ma i ricercatori hanno bisogno di conoscere la sua massa, la densità e la composizione prima di dichiarare che il pianeta è realmente simile alla Terra.
Kepler ha scoperto 48 pianeti candidati, situati nella zona abitabile della loro stella, la zona cosmica temperata in cui gli scienziati ritengono che le condizioni potrebbero sostenere la vita. I pianeti più vicini alla loro stella madre sono troppo caldi, facendo evaporare l'acqua e quindi i nutrienti per eventuali forme di vita. I pianeti più freddi si trovano invece più lontano causando il congelamento dell’acqua.

“È credibile che uno di questi pianeti o le loro lune possa supportare la vita", ha detto Bill Borucki, principal investigator di Kepler presso l’Ames Research Center in California.
Kepler-22b potrebbe essere roccioso, liquido o gassoso. Gli astronomi la prossima estate utilizzeranno i telescopi terrestri per determinare la composizione del pianeta, la densità e dipingere un quadro più chiaro delle sue prospettive di ospitare la vita.
"Siamo certi che si trova dentro la zona abitabile, non è ai margini. E se ha una superficie, è quasi sicuro che abbia una temperatura piacevole" ha detto Borucki.

Kepler-22b orbita attorno a una stella di tipo G, a 600 anni luce dalla Terra. La stella, che è leggermente più fredda e piccola del Sole, si trova nel campo visivo del fotometro di Kepler, una fotocamera il cui CCD ha una risoluzione di 95 megapixel.
“È nel bel mezzo di questa zona abitabile, appena oltre la Terra", ha detto Natalie Batalha, vice leader del team scientifico Kepler ad Ames. "L'altra cosa che è davvero eccitante è il fatto che orbita intorno a una stella molto simile al nostro Sole.".

Jill Tarter, direttore del Centro per la ricerca SETI, ha detto che gli astronomi punteranno i radiotelescopi verso i pianeti scoperti da Kepler per ascoltare eventuali prove di vita intelligente.
"La mia squadra è interessata ad utilizzare i dati di Kepler per trovare pianeti analoghi alla Terra", ha detto Tarter. "Ci sarà una priorità più alta per quei mondi che i nostri colleghi ci dicono di non essere né troppo caldi, né troppo freddi."
SETI è l'acronimo di Search for Extraterrestrial Intelligence. Il SETI Institute è una organizzazione non-profit che affronta scientificamente il problema della origine, la natura e la presenza della vita al difuori della Terra.

Lanciato nel marzo 2009, Kepler è posizionato su un’orbita solare parallela alla Terra e punta il suo telescopio da 1 metro verso le costellazioni del Cigno e della Lira, con un campo di osservazione di 10 gradi che contiene circa 4'500'000 stelle rilevabili. Kepler si sta concentrando su circa 156'000 stelle per le finalità delle sue ricerche.
Kepler con il suo campo di vista.
"Questa è una pietra miliare sulla strada per trovare il gemello della Terra", ha detto Douglas Hudgins, componente del programma scientifico Kepler alla NASA di Washington. "I risultati di Kepler continuano a dimostrare l'importanza delle missioni scientifiche della NASA, che mirano a rispondere ad alcune delle più grandi domande sul nostro posto nell'Universo".
La fotocamera di Kepler controlla costantemente la luminosità di ogni stella presente nel suo catalogo e la missione primaria della sonda è di rilevare i pianeti misurando diminuzioni nella luminosità delle stelle quando i corpi oscuri passano loro davanti. Osservando i "transiti" tre volte, gli scienziati sono vicini a confermare che è un pianeta.
Ulteriori osservazioni dal telescopio spaziale Spitzer della NASA e dalle strutture a Terra, elaborazione dei dati e le recensioni di ricercatori indipendenti, aiutano a riconoscere un candidato come un vero pianeta e non come un'altra stella.

Kepler ha scoperto 2'326 candidati pianeti al di fuori del Sistema Solare. La NASA dice che 207 dei probabili pianeti dovrebbero avere circa le dimensioni della Terra, 680 sono super Terre, 1'181 sono delle dimensioni di Nettuno, 203 sono delle dimensioni di Giove e 55 sono ancora più grandi di Giove.
I funzionari della missione hanno annunciato che 1'094 candidati a nuovo pianeta sono appena stati resi pubblici, a cui aggiungiamo oltre 1'200 unità presentate nel mese di febbraio. Gli scienziati stanno rilasciando i dati sui candidati perché gli astronomi possano, con le loro osservazioni, cercare di confermarli come pianeti reali.

L’annuncio di Kepler-22b incrementa la lista delle scoperte della missione a 29 pianeti. Molti dei pianeti verificati sono oggetti di grande massa o di grandi dimensioni su orbite estremamente vicine alle loro stelle.
Ci vorranno diversi anni per ottenere le osservazioni necessarie a confermare un pianeta di dimensioni terrestri nella zona abitabile. E questo perché i pianeti fatti così transiteranno sulla stella circa una volta all'anno.

Borucki detto che il suo team sta preparando una proposta da consegnare alla NASA nel mese di febbraio, per estendere la missione di Kepler fino al 2015. La missione attuale ha una durata prevista fino alla fine del 2012.
[SpaceFlight Now]

Nessun commento: