Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

mercoledì 1 giugno 2011

Status Report: STS-134-33.

STS-134 MCC Status Report #33
3 a.m. CDT Wednesday, June 1, 2011
Mission Control Center, Houston, Texas

Endeavour ha eseguito il suo ultimo rientro questa mattina al Kennedy Space Center in Florida, concludendo una missione di successo verso la Stazione Spaziale Internazionale e una scintillante carriera durata 25 missioni.

"Il vostro sbarco aggiunge un’eredità tangibile a questo veicolo che sarà ricordato a lungo", ha detto a Kelly l'astronauta Barry Wilmore dal Capcom del Controllo Missione di Houston dopo l'arresto delle ruote. "Benvenuto a casa Endeavour".

"E 'triste vederlo atterrare per l'ultima volta," ha risposto Kelly "ma lascia un grande patrimonio d’esperienza".

L’atterraggio di mercoledì alle 02:34:51 (ora locale) ha concluso un volo da 10'416'000 km in 248 orbite percorse in 15 giorni, 17 ore e 39 minuti. Ha così portato Endeavour a 25-missioni totali con 147'500'000 km in 4’671 orbite percorse in 299 giorni trascorsi nello spazio.

Sul volo STS-134, Endeavour ha accompagnato sulla Stazione l’Alpha Magnetic Spectrometer (AMS-2), un rivelatore di fisica delle particelle che potrebbe fornire nuove conoscenze circa la composizione del nostro Universo. È stato installato roboticamente il 19 maggio e sta funzionando egregiamente. A bordo c'era anche una piattaforma di trasporto, l’Express Logistics Carrier 3, carica di pesanti pezzi di ricambio per la Stazione. È stato installato il 18 maggio poco dopo l'attracco.

L’equipaggio di Endeavour, il Comandante Mark Kelly, il pilota Greg H. Johnson e gli Specialisti di Missione Mike Fincke, Roberto Vittori, Andrew Feustel e Greg Chamitoff, hanno anche portato sulla Stazione delle apparecchiature e forniture supplementari. Hanno svolto attività di manutenzione sulla ISS, compresa la sostituzione di un elemento reagente in un dispositivo per la rimozione dell’anidride carbonica.

Feustel, Fincke e Chamitoff hanno anche fatto quattro passeggiate spaziali. Lavorando in team di due persone, hanno effettuato numerosi interventi di manutenzione e attività di installazione sulla parte esterna della Stazione, come la lubrificazione di un giunto sul traliccio che fa ruotare i pannelli solari per seguire il Sole. Hanno inoltre assicurato un’estensione del braccio per incrementare la portata del Canadarm2 della Stazione nel caso che dovesse diventare necessario. L’Orbiter Boom Sensor System è stato lasciato sulla Stazione da Endeavour.

Durante il rendez-vous e di nuovo dopo lo sgancio, lo STORRM (Sensor Test for Orion Relative Navigation Risk Mitigation) è stato collaudato con successo. La prova riguardava lo sviluppo di un rendez-vous automatico e del relativo sistema di aggancio.

Fin dal suo primo volo nel maggio 1992, l’ardito recupero di un satellite, per la riparazione e la re immissione in orbita, Endeavour ha eseguito missioni importanti, come il primo volo spaziale di assemblaggio della Stazione, e 11 voli ISS più uno verso la Stazione Spaziale russa Mir e ha volato per la prima missione di manutenzione dell'Hubble Space Telescope.

È previsto che l'equipaggio torni a Houston per un benvenuto pubblico presso l'Hangar 990 di Ellington Field circa alle 4 pm di domani, giovedi 2 giugno.

[Status Report originale NASA/JSC]

7 commenti:

Anonimo ha detto...

cos'era che "sfiammava" all'attacco dell'impennaggio di coda subito dopo l'atterraggio ?

Sanduleak SN ha detto...

Che traffico per gli Space Shuttle: l'Endeavour che torna a casa, l'Atlantis che viene portato alla rampa di lancio, il destino dell'Enterprise (http://bit.ly/lAsr1N)!! Alla NASA sono più indaffarati ora, che 12 mesi fa!!! ^__^

Sanduleak SN ha detto...

PS: http://bit.ly/lrRgtP

Sai dirci di più??

Monzitrek ha detto...

@ Anonimo.
Erano gli scarichi delle APU, le unità di potenza ausiliaria per il controllo dell'orbiter in atmosfera. Le tre Auxiliary Power Unit pressurizzano i circuiti idraulici e fanno in modo che il velivolo possa essere guidato comandando alettoni e timone, e al decollo controllano anche il puntamento dei motori (il Gimbal).
Era tutto normale, non preoccuparti. Dato che era un atterraggio notturno si vedeva molto di più. Negli atterraggi diurni si vedono gli sbuffi di calore nelle riprese ad infrarossi.

@ Francie.
Per lo spostamento a New York di Enterprise era stato stabilito il 12 aprile, quando hanno destinato le navette dopo il pensionamento.

Per lo SKYLON, è un progetto di spazioplano unmanned semplicemente rivoluzionario, anche se:
1) è un progetto inglese e come tale non è detto che sia poi realizzato (se vai a vedere la storia dell'astronautica gli inglesi non si sono quasi mai distinti in quel campo, come non compaiono più di tanto in ambito ESA)
2) il motore SABRE è ancora abbastanza a livello teorico, anche se sarebbe la chiave di volta per la realizzazione di veicoli SSTO (Single Stage To Orbit, un mito non ancora raggiunto)
3) dovrebbe essere un progetto a cui puntano tutte le aziende aerospaziali, dato che promette di abbattere i costi di un fattore 50 (basta pensare al carico di comburente non da imbarcare per portare il veicolo dove la resistenza aerodinamica è più importante e il peso è fondamentale) con un velivolo completamente assimilabile ad un aereo, sia come uso che come manutenzione.
4) potrebbe essere la nascita di una nuova classe di veicoli che, se adattati per l'uso manned, risolverebbe il problema del raggiungimento della ISS da parte degli equipaggi e dei materiali.

Ma se ne sa poco o niente e lo sviluppo non è così seguito.
Perché?
Forse è un progetto irrealizzabile?
Boh, vedremo...

Sanduleak SN ha detto...

Grazie!! Sei stato illuminante come gli sbuffi dell'APU ^__^

Mi fa piacere di avere fatto la domanda sullo SKYLON: mi sembrava una cosa così bella...un progetto avenieristico su cui mette le mani...e poi tornare a sognare!

Mi sento come se avessi chiesto se esistono gli elfi!
E' bello scoprire quanto è grande la propria incompetenza.... ,-__-,

Monzitrek ha detto...

Come avrai notato non ho resistito e ho fatto un articolo apposta... ;)

Sanduleak SN ha detto...

Si sa gli "elfi" affascinano sempre!! ^__^
Grazie per il post!! L'ho letto attentamente!!