Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

mercoledì 16 giugno 2010

Lancio Russo.

Un vettore Dnepr della ISC Kosmotras ha portato in orbita ieri pomeriggio 15 giugno alle 1442:16 UTC una coppia di satelliti svedesi PRISMA (Prototype Research Instruments and Space Mission technology Advancement) chiamati Mango e Tango e il francese Picard (in onore dell'astronomo transalpino Jean Picard del XVII secolo) che misurerà tutta una serie di parametri del nostro Sole, come l'irradiazione spettrale, il diametro reale e la consistenza interna per mezzo dell'eliosismologia. Il suo lavoro affiancherà quello del Solar Dynamics Observatory aumentando così la quantità di dati ricevuti riguardanti la nostra stella.

Il sistema PRISMA è stato costruito dalla Swedish Space Corp. per la Swedish National Space Board ed è costato alla Svezia circa 50 milioni di euro. Esiste anche una parte di finanziamento proveniente dai partner europei (Francia, Germania e Danimarca) sulla cui entità non si hanno però notizie.
Mango è un satellite di 150kg circa cubico delle dimensioni di una lavatrice, mentre Tango, 40kg, è grande come un forno a microonde. Sono stati lanciati agganciati e fra un paio di settimane inizieranno una serie di sperimentazioni, separandosi e viaggiando in formazione. Eseguiranno inoltre una serie di attracchi automatici per testare delle tecnologie a basso costo. Il più grande ha anche dei nuovi motori propulsi a Ammonio dinitrammide, più ecologico e soprattutto non tossico, oltre che più efficiente della classica idrazina. Da considerare che le sperimentazioni stanno proseguendo e stanno ottenendo ulteriori miglioramenti con HDN (idrazina dinitrammide).

Il vettore Dnepr è partito dal Poligono di Yasny ed è basato sui missili balistici intercontinentali SS-18 da cui ha mutuato il sistema di lancio e i primi tre stadi a propellente liquido. Sono ovviamente stati aggiornati i software di guida e la stiva ogivale, lo Space Head Module, che fa parte dei componenti che entrano in orbita assieme al carico pagante.
L'inserimento orbitale è avvenuto ad una quota di 730km e con una inclinazione di 98,28°

In foto il lancio.
Fonte: Kosmotras.

Nessun commento: