Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

martedì 28 ottobre 2008

Massi spaziali.

Nelle vicinanze della Terra passano continuamente asteroidi, rocce e massi vari.
C'è un servizio di rilevazione continuo che tiene sotto controllo il "traffico" dei Near Earth Object, la costellazione di compagni di viaggio del nostro pianeta.
E continuamente ci ronzano intorno.
Facciamo un esempio: nelle ultime ore ne sono transitati 4.
- 2007 AE12 ci è passato a fianco a 12km/s, a circa 19'400'000 chilometri.
- 2007 VZ2 è passato a 16km/s, a circa 17'100'000 km da noi.
- 2004 XZ130 (164294) passato a 8km/s, a 16'200'000 km dalla Terra.
- 2003 UW29 ha sfrecciato a 32km/s, passando a 10'300'000 km di distanza.

Non sono distanze propriamente ridotte, ma testimoniano che il Sistema Solare è più che mai attivo e con moltissimo movimento.
Se vi interessano le dimensioni, eccole:
- 2007 AE12 è fra i 340 e i 770 m di diametro.
- 2007 VZ2 è fra i 30 e i 70 m.
- 2004 XZ130 (164294) è da 250 a 560 m.
- 2003 UW29 va da 210 a 480 m.
Inutile aggiungere che se un giorno pensassero di "venirci a trovare", per 3 di loro sarebbe un disastro globale.

Le opzioni possibili per deviarne la traiettoria in caso di collisione imminente sono molte, ma poche realizzabili ed ancora meno quelle efficaci.
Le possibilità di intervenire aumentano in base a quanto anticipo si ha a disposizione e, per quanto riguarda gli oggetti NEO conosciuti, sicuramente si potrà avere un buon margine grazie alle orbite già tracciate e ben definite.
Le cose cambiano radicalmente se si trattasse di un oggetto nuovo e mai visto, perché ci piomberebbe addosso all'improvviso.
Quindi è indispensabile che ci sia un monitoraggio continuo della volta celeste, cosa che ultimamente è decisamente aiutato dall'astronomia amatoriale.
Infatti gli strumenti che possono essere utilizzati dagli appassionati raggiungono ormai un livello qualitativo tale da permettere scoperte di questo tipo.

Aggiornamento.
Non vorrei mettervi ansia, ma un paio d'ore fa c'è stato un altro passaggio ravvicinato.
2008 UR è passato a soli 3'280'000 km ad una velocità di 6km/s ed è 14 metri di diametro.
Normalmente l'allerta scatta quando un oggetto passa ad una distanza minore di dieci distanze lunari, quindi circa 3'850'000 km.

Nell'immagine una rappresentazione artistica. Fonte BBC.

Nessun commento: