Time machine.

- UTC Tempo Universale Coordinato.

Tutti i lanci in video:


Space Shuttle Missions Database - Tutti i dati sulle missioni Shuttle
Se avete domande su argomenti spaziali chiedetemi tranquillamente senza farvi problemi: cercherò di rispondere a tutti.

Iscrivetevi alla Newsletter, edizione italiana del Jonathan's Space Report, inviando una richiesta al mio indirizzo email.

giovedì 19 maggio 2016

Perso il contatto con Hitomi

Il 26 marzo il satellite giapponese Hitomi (ASTRO-H) per l’osservazione nella banda dei Raggi X ha subito una importante anomalia. Durante una campagna osservativa del quasar Markarian 205 ha improvvisamente perso il controllo di assetto e ha iniziato a ruotare su sé stesso.
Circa sei ore dopo si disgregava parzialmente, tanto che il tracking statunitense riconosceva almeno 11 detriti, 5 dei quali di dimensioni “importanti”. Durante i successivi 3 passaggi il centro di controllo ha ancora ricevuto dei brevi frammenti di trasmissione, ma dal 29 marzo non ha più ricevuto dati. Osservazioni dirette da Terra effettuate per mezzo di telescopi ottici fra cui anche il grande Subaru Telescope hawaiiano dell’Osservatorio Nazionale Giapponese, hanno evidenziato un gruppo di oggetti in rapida rotazione, probabilmente residui degli strumenti e dei pannelli solari.
Rappresentazione artistica di Hitomi [JAXA]
Una prima analisi dell’accaduto può far ricadere le responsabilità dell’incidente ad una incompleta previsione dei comportamenti inerziali del satellite, dato che l’errore nei sistemi di correzione d’assetto si è verificato dopo l’estrazione dell’Extensible Optical Bench, un braccio che può aver modificato in modo non previsto il centro di massa di Hitomi. Un primo errore nella correzione ha portato un peggioramento della situazione che ha comportato un passaggio in safe mode e al conseguente spegnimento del computer di bordo e una accensione dei motori per orientare i pannelli solari verso il Sole, procedura standard per un satellite in caso di anomalia. Evidentemente il centro di massa in posizione imprevista può aver causato un aumento incontrollato della velocità di rotazione causando la rottura dei componenti esterni a causa delle sollecitazioni impreviste.
Sono solo ipotesi, ma se fosse successo veramente questo, molto probabilmente le responsabilità dei progettisti sarebbero alte.
La sonda Hitomi, del peso di 2700 kg, è stata lanciata il 17 febbraio scorso a bordo di un vettore H-IIA 202 dal Tanegashima Space Center e si trova su un’orbita quasi circolare ad una quota compresa fra 560 e 580 km e inclinata di 31,1°.
L’agenzia spaziale giapponese JAXA spera che la rotazione possa rallentare al punto da ristabilire le comunicazioni e nel caso riuscissero a riprendere il controllo d’assetto potrebbe riprendere anche l’attività scientifica, anche solo con la fotocamera SXI CCD.
Purtroppo le ultime notizie provenienti da JAXA confermano che il danno ai pannelli solari costituisce un problema di approvvigionamento energetico insormontabile, che ha comportato lo spegnimento totale della sonda.
Peccato: se ricordate Hayabusa, per i giapponesi non sarebbe stato il primo recupero impossibile…

Tratto dall'ultimo numero pubblicato di Coelum Astronomia, rivista di informazione astronomica. La rivista viene distribuita gratuitamente via web. Potete liberamente scaricarvela e leggerla dove preferite.